PITTart - Pitture e artisti in mostra permanente
Pitture e artisti
HOME   ANNA MARIA GUARNIERI  ELENCHI  ARTE  ISCRIZIONI  VIDEO  PER PITTORI  ANNUNCI  ARTICOLI  NOTIZIE 

SITE MAP

Florence bike tours - Guided bike tours, the smartest way to visit Florence and Tuscany

Top Painters 

Grandi pittori maestri di ogni tempo

William Bouguereau biografia e opere

William Bouguereau, biografia e opere del grande maestro che svetta nell'olimpo dell'arte occidentale

Arcimboldo     Artemisia     Blake     Boccioni     Botticelli     Bouguereau     Canaletto     Caravaggio     Cèzanne     Cimabue     Courbet     Dalì     De Chirico     Fattori     Gauguin     Giotto     Goya     Kandinskij   Klimt     Leonardo     Matisse     Michelangelo   Mirò      Monet     Munch      Picasso     Raffaello     Rembrandt     Reni     Renoire     Segantini     Signorini     Soffici     Lempicka     Van Gogh   Quotazioni artisti

Se desideri meglio inquadrare il periodo storico e le relative tendenze artistiche, puoi consultare le pagine Storia dell'Arte e Correnti d'Arte.

William Bouguereau
Opere di William Bouguereau Opere di William Bouguereau     Video di William Bouguereau Video di William Bouguereau

Il 30 novembre 1825 nasce a La Rochelle (Francia) William, è il secondo figlio di Théodore Bouguereau e Marie Marguerite Bonnin (calvinista). Cinque anni più tardi, William viene battezzato nella fede cattolica. Théodore Bouguereau è un piccolo imprenditore che conduce un negozio di vino vicino al porto. Purtroppo e nonostante la buona reputazione dei vini venduti, il negozio non donerà mai prosperità alla famiglia, anzi in certi periodo non potrà neppure sfamare tutti. E’ proprio a causa di una di queste precarie circostanze, che William sarà mandato ad abitare con lo zio Eugène Bouguereau, un sacerdote della chiesa di Saint-Étienne, nella parrocchia di Mortagne. Di questo periodo, William conserverà un ottimo e felice ricordo e arriverà a dire di aver scoperto solo in quella particolare circostanza, la felicità della vita familiare. Eugène diviene dunque per William, il modello di padre da imitare. Impara dunque a frequentare i giovani della parrocchia, a amare la letteratura latina e francese, apprendendo molto della cultura L'auroraclassica. Naturalmente William riceve anche un'educazione religiosa, leggendo il Vangelo e la vita dei Santi. In questo periodo William non trascura neppure l'osservazione della flora, della fauna e il passaggio delle nuvole e dei corpi celesti. Padre Eugène introduce anche il ragazzo alla caccia e all'equitazione, insieme vanno spesso a cavallo, visitando i monumenti e i siti storici della regione. Nel 1839 Eugène decide di mandare William a studiare i classici presso il collegio di Pons, un istituto religioso gestito da un suo amico. Studierà la mitologia greca e latina, Ovidio, Virgilio e l'autore che più amava Pausanius. Nel 1841 Théodore Bouguereau cambia finalmente l'attività del negozio, abbandona la vendita del vino, per dedicarsi al commercio dell'olio di oliva nella città di Bordeaux. Di conseguenza, William, all'età di 17 anni, rientra a malincuore presso la sua famiglia a Bordeaux. I padre ha infatti deciso di farsi aiutare dal figlio nella sua attività, affidandogli la contabilità. In questo periodo William, incoraggiato da un amico, decide di seguire i corsi di disegno e pittura nella scuola comunale d'arte di Bordeaux. William fornisce subito agli insegnanti della scuola, la prova del suo evidente talento, tanto che viene subito ammesso alla classe senior, sotto la guida dell'insegnante Jean-Paul Alaux. William può solo frequentare il mattino, poiché non può lasciare il suo incarico nella ditta del padre, tuttavia il suo progresso nella pittura è così rapido che 1844 vince il premio per "La migliore pittura storica". Questo premio incoraggia William a sognare di andare a Parigi per frequentare l'École des Beaux-Arts. Non senza difficoltà ottiene quindi l'autorizzazione dal padre e un La sorellaaiuto economico dallo zio Eugène. Arrivato a Parigi ha con sé una lettera di raccomandazione da Alaux François Picot, un celebre pittore del periodo. Nell'aprile del 1846, William Bouguereau viene ammesso alla École des Beaux-Arts ove si classificherà tra i migliori della scuola. Di conseguenza, nel 1848 gli viene consentito di presentarsi al concorso per il "Grand Prix de Rome". Il tema è: "S. Pietro, dopo essere stato miracolosamente liberato dalla prigione entra in casa di Maria, madre di Giovanni, dove la sua presenza inaspettata cause stupore generale." Si aggiudicherà un secondo posto assieme a Gustav Boulanger. L'anno successivo partecipa nuovamente al concorso che ha per tema: "Ulisse riconosciuto da Eurycle, durante il suo ritorno a Troia." Ma, la sua opera non viene neppure menzionata. Infine, nel 1850, gareggia per la terza volta, il tema dell'anno è: "Zenobia trovato dai pastori sulle rive del Araxe". Questa volta William Bouguereau vince il "Grand Prix de Rome" aggiudicandosi una borsa di studio che gli consente di usufruire di un soggiorno in Italia per studiare da vicino l'arte classica.

A Villa Medici di Roma,  dove i vincitori del "Grand Prix de Rome" vengono mandati a studiare, William apprende la lingua italiana e studia i greci, gli etruschi, i romani e le opere di Correggio, Tiziano, Veronese, Leonardo da Vinci, Michelangelo e Raffaello. Con il pittore Curzon, William si reca anche a Pompei, Napoli, Capri, Siena, Perugia, Assisi (dove copia il ciclo di San Francesco). A Firenze trascorre la maggior parte del suo tempo, La stella perdutaammirando i capolavori presenti nella Galleria degli Uffizi. Dopo questo periodo all'estero, William Bouguereau torna a Bordeaux dove dipinge subito due ritratti della sua famiglia. Alla fine del 1854, si stabilisce a Parigi ove si è impegna subito a decorare due camere per Jean François Bartholoni, presso l'Hôtel Custine. Bartholoni, colpito dalla bellezza delle camere decorate, chiede al giovane artista di decorare anche la propria residenza. Lo scrittore e poeta Théophile Gauthier, affascinato dalle decorazione di William scrive su di lui, decantando ampliamente la sua arte. Nel 1857 il Salone gli dona la Medaglia d'Onore per la sue opere nella residenza di Bartholoni. L'imperatore Napoleon III gli commissiona quindi di dipingere il suo ritratto e quello dell'imperatrice. Da questo momento Bouguereau diviene uno dei giovani pittori più acclamati e richiesti di Parigi. Un ricco uomo d'affari di Parigi, il banchiere  Émile Pereire, gli conferisce l'incarico di decorare la sua villa di Saint Honoré Fanbourg. Si tratta di un grande incarico che impegnerà l'artista per oltre due anni. Partecipa poi alla decorazione della Cappella di San Luigi nella chiesa di S. Clotilde di Parigi. Nel 1859 diventa Cavaliere della Legione d'Onore e padre di un figlio, Georges. Una seconda figlia, Jeanne, nasce il giorno di Natale del 1861. Nei due anni che seguono Bouguereau è singolarmente improduttivo, realizza solo due dipinti nel 1862 e dieci nel 1863, tra cui la Sacra Famiglia, che Napoleon III acquista come regalo per la moglie, Eugenia. In questi due anni, Bouguereau modifica la sua tecnica pittorica e si concentra sulle pubbliche relazioni, cercando di guadagnarsi il sostegno degli Accademici. Dal 1865 al 1870 si occupa della sala da concerto del Grand Théâtre di Bordeaux. In questo periodo (nel 1866) muore la figlia Jeanne, mentre nel 1868, nasce suo figlio Paolo. Nel 1875, suo figlio, Georges, si ammala e muore. E' un duro colpo per la famiglia e questo lutto ispirerà L'onda Bouguereau a realizzare due belle opere: La Pietà e La Vergine confortante. Nel 1876 Bouguereau viene eletto al più alto rango come titolare dell'Istituto dell’Académie des Beaux-Arts, sostituendo Pils. Sei mesi più tardi viene nominato funzionario della Legione d'Onore. 
Nel mese di ottobre, la moglie Nelly mette alla luce Maurizio, ma la gioia della famiglia è di breve durata. Nel mese di aprile del 1877, Nelly , per i postumi della gravidanza muore. In giugno, il bambino, privato della madre, muore all'età di 7 mesi. La desolazione ancora una volta, sconvolge Bouguereau e lo induce a lavorare ancora di più, producendo un capolavoro dopo l'altro. Dipinge 12 oli nel 1877, 17 nel 1878 e 23 nel 1879. 
Pochi e rari eventi punteggiano gli anni successivi:
- Bouguereau riceve una medaglia di primo classificato all'Esposizione Internazionale di Monaco di Baviera e diviene un membro della commissione per il perfezionamento della fabbricazione di arazzi Gobelin.
- Sua figlia, Henriette, si sposa con Georges Vincens, figlio di un ricco uomo d'affari di La Rochelle. 
- Acquista una villetta in rue Verdière a La Rochelle. Qui, Bouguereau trascorrera le sue vacanze estive. 
- Nel 1884, il commerciante d'arte francese, Goupil, organizza una mostra di artisti francesi a Londra. Sette dipinti di Bouguereau vengono esposti. 
- Nel 1885 viene eletto presidente dell'associazione benefica fondata da Barone Taylor.
Bouguereau poi insistito sulla presa personale incaricato dei preparativi per la mostra per commemorare la morte del suo vecchio amico, Baudry - sarebbe l'apertura hanno partecipato il Presidente della Repubblica. 
- Nel febbraio del 1896, all'età di 92 anni, muore sua madre.
NinfeNel 1899, suo figlio Paolo, che era diventato avvocato, membro del  foro di Parigi e ufficiale della riserva militare, contrae la tubercolosi. Nel 1900 Paolo morirà e William, ancora una volta è costretto a subire l'orribile tragedia della morte di un figlio. Per fortuna, come sempre, il lavoro gli tiene la mente occupata, ma il suo fisico comincia a vacillare. Durante la sua vita, William era sempre stato un buon mangiatore, bevitore e accanito fumatore. Dunque, nel 1902 compaiono problemi cardiaci e i primi segni di arteriosclerosi. Poi, tre anni dopo, il 19 agosto del 1905, il grande Maestro, William Adolphe Bouguereau, muore. Il 22 Agosto la città di Rochelle celebrerà una grande processione funebre, e il 23 agosto a Parigi, avrà luogo la sepoltura. Dopo la sua morte, seguirà un lungo periodo di oblio che terminerà intorno al 1980. Prima di tale data le persone in grado di conoscere il nome di William Bouguereau, erano assai rare. Meno ancora erano quelle in grado di aver avuto l'opportunità di vedere anche una sola fotografia di un'opera di William Adolphe Bouguereau. Durante questo periodo le sue opere sono rimaste spesso arrotolate e conservate senza alcuna particolare cura negli scantinati dei Tentazionemusei di qualche provincia. E' veramente triste constatare che uno dei più ammirati e invidiati artisti del suo tempo, sia stato praticamente dimenticato per quasi ottanta anni. Sarà infatti solo dopo il magnifico catalogo della mostra organizzata 1984/85 dal Montreal Museum of Fine Art, che le opere di William torneranno a risorgere. Dal 1984 i valori di  mercato di William Bouguereau sono letteralmente e giustamente esplosi. Dalla vendita di opere intorno ai 1.000 $ del 1950 si è passati, nel 1998, ad opere vendute a 1.410.000 $ da Christie's di New York. Nel 1999, l’opera Cupido e Psiche, è stato venduta da Christie's per 1.760.000 $. Nel maggio del 2000 una sua opera viene venduta da Christie's a 3.520.000 $. Negli ultimi anni i la sua intera produzione di oltre 700 opere, è letteralmente risorta dalle cantine per andare nei più importanti musei del mondo e milioni di riproduzioni sono state acquistate per arredare le case di chi non può permettersi i suoi dipinti.