PITTart - Pitture e artisti in mostra permanente
Pitture e artisti in mostra permanente


 Home pageHome Page     Notizie d'ArteNotizie Arte     Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte    Tutte le iscrizioni a PITTart.comTutte le iscrizioni     Richiedi il tuo sito WebMio Sito Web    L'angolo del critico d'arteL'angolo del critico d'Arte    Incontri con l'arte - interviste agli artistiIncontri con l'Arte    Artisti sezione interattivaArtisti

CANALATTO biografia e opere

Canaletto - biografia e opere di Giovanni Antonio Canal detto il Canaletto, grande maestro incisore e pittore dell'arte della veduta e del capriccio






Arcimboldo   Blake   Boccioni   Botticelli   Bouguereau   Canaletto   Caravaggio   Cèzanne   Cimabue   Courbet   Dalì   De Chirico   Fattori   Gauguin   Giotto   Goya   Kandinskij   Klimt   Leonardo   Matisse   Michelangelo   Mirò   Monet   Munch   Picasso   Raffaello   Rembrandt   Reni   Renoire   Segantini   Signorini   Soffici   Van Gogh  

Grandi maestri pittori di ogni tempo
Se desideri meglio inquadrare il periodo storico e le relative tendenze artistiche, puoi consultare le pagine Storia dell'Arte e Correnti d'Arte.

                Opere del CanalettoOpere del Canaletto

Giovanni Antonio Canal, meglio noto con il soprannome di Canaletto, nasce a Venezia il 17 ottobre 1697 da una famiglia della Canaletto borghesia veneziana. Sarà un grande maestro pittore e incisore, ma soprattutto vedutista. Canaletto impara nella bottega del padre, specializzato nella pittura di scenografie teatrali. Assieme al fratello Cristoforo crea grandi decorazioni teatrali fino all'età di 24 anni.
Durante un lungo soggiorno a Roma con il padre (1719-1720) ha modo di conoscere la pittura di Viviano Codazzi, Giovanni Ghisolfi e il vedutismo di Gaspar van Wittel e Givanni Paolo Panini. Sarà questo un viaggio molto istruttivo e che segnerà l'inizio della sua nuova pittura. Tornato a Venezia inizia dunque a dipingere vedute raffiguranti paesaggi urbani, che sono principalmente quelli della sua città.
Questo nuovo genere di pittura, proveniva da Gentile Bellini e vedeva i maggiori rappresentanti dell'epoca, in Givanni Paolo Panini, il canal Grande dal palazzo Balbi al ponte di RialtoLuca Carlevarjis e Francesco Guardi.
Tuttavia la pittura del canaletto, oltre ad unire nella rappresentazione topografica, architettura e natura, si atteneva a rigorose e precise condizioni di luce e a valori assoluti della prospettiva, ottenuta con l'uso della camera ottica.
La "camera ottica" è uno strumento molto usato dagli artisti del 1700 e permette di proiettare l'immagine della realtà su uno schermo di carta oleata in modo da poter poi procedere al ricalco. Dunque la nuova pittura del Canaletto piace, tanto che nel 1722 l'artista ha già fama di un genio che supera la tradizionale pittura topografica del Carlevarijs. Il successo consente a Canaletto di assicurarsi la collaborazione di una bottega, ove vengono vendute le sue opere, prima a italiani e poi a inglesi.
Nel 1923 lavora per il futuro console e mecenate inglese Joseph Smith, per il quale esegue una serie di disegni di San Marco, elaborati poi in sei tele destinate a decorare la sua casa.
Nel 1725 riceve l'incarico dall'impresario irlandese il ritorno del BucintoroOwen McSwiney per la serie di "tombeaux des princes" destinata alla sala da pranzo del Duca di Richmond. Questi contatti con il mondo anglosassone sono decisivi per Canaletto, e sempre più spesso i collezionisti inglesi richiedono all'artista immagini “topografiche” di Venezia. Joseph Smith diviene dunque il suo agente che lo aiuta a vendere i suoi quadri al Duca di Bedford, al Conte di Carlisle, al Duca di Buccleuch, al Duca di Leeds, al Duca di Northumberland e al Conte di Fitzwilliam. Smith gli organizza anche la pubblicazione di una serie di Acqueforti e di Capricci (dipinti raffigurati paesaggi o scene architettoniche che combinano elementi reali ed immaginari), ma il ritorno economico non è per Canaletto abbastanza elevato, tanto che nel 1746 decide di avvicinarsi al suo mercato, recandosi a Londra con una lettera di presentazione per il Duca di Richmond. In Inghilterra l’artista ricrea le atmosfere locali e interpreta una civiltà diversa da quella veneziana.
Ancora una volta si rendono evidenti le sue capacità laboratorio dei tagliapietracompositive, che riescono a dominare vedute dagli orizzonti sconfinati, e a descrivere complesse scene urbane e i castelli, con una delicata minuzia e un autentico interesse per l'architettura inglese. I suoi quadri sono quindi acquistati da Francis Greville e Lord Brooke, dal Duca di Beaufort e dal principe Lobkowicz. Dopo nove anni, nel 1755, Canaletto torna a Venezia, ove viene eletto, grazie a un quadro di Capriccio, all'Accademia Veneziana. Continuerà a dipingere (soprattutto Capricci) fino alla sua morte avvenuta il 18 ottobre del 1768. Nel 2005 un suo quadro è stato venduto all'asta da Sotheby's al prezzo record di 18,6 milioni di Sterline.

Alcuni dei luoghi prestigiosi che espongono le sue opere:
Canaletto at the Metropolitan Museum of Art, NY - Kunsthistorisches Museum, Vienna, AT - Birmingham Museums e Art Gallery, UK - Bowes Museum, County Durham, UK - Ca' Rezzonico, Museo del Settecento Veneziano, Venezia, IT - Cleveland Museum of Art, OH - Columbia Museum of Art, SC - Canaletto at the Louvre Museum, Paris, FR - Canaletto at the Detroit Institute of Arts, MI - Kress Foundation Collection, New York, NY - Fine Arts Museums of San Francisco, CA - The Royal Collection, London, UK - Art Gallery of New South Wales, Sydney, Australia - Arthur Ross Gallery at the University of Pennsylvania, Philadelphia - Ashmolean Museum at the University of Oxford, UK - J. Paul Getty Museum, Los Angeles, CA - Canaletto at the National Gallery of Art, Washington, DC - Museum of Fine Arts, Houston, TX - Nelson-Atkins Museum of Art, MO - Courtauld Institute of Art, London, UK - Dallas Museum of Art, TX - Rijksmuseum, Amsterdam, NL - Dayton Art Institute, OH - Dulwich Picture Gallery, London, UK - E.G. Bührle Collection, Zurich, CH - Finnish National Gallery Art Collections, Helsinki, FI - Fitzwilliam Museum at the University of Cambridge, UK - Hermitage Museum, Saint Petersburg, Russia - Museum of Fine Arts, Boston, MA - Norton Simon Museum, Pasadena, CA - Fondation Bemberg Museum, Toulouse, FR - Gallerie dell'Accademia, Venezia, IT - National Gallery of Canada, Ottawa, ON - North Carolina Museum of Art, Raleigh - National Gallery, London, UK - Gallerie di Palazzo Leoni Montanari, Vicenza, IT - Harvard University Art Museums, MA - Indianapolis Museum of Art, IN - Kimbell Art Museum, Fort Worth, TX - Manchester City Art Gallery, UK - Memphis Brooks Museum of Art, Memphis, TN - Minneapolis Institute of Arts, MN - Musee Jenisch, Vevey, CH - Museo Correr, Venezia, IT - Museo Poldi Pezzoli, Milano, IT - Museu Nacional d'Art de Catalunya, Barcelona, ES - National Gallery of Australia, Canberra - National Gallery of Victoria, Australia - National Maritime Museum, Greenwich, UK - Oglethorpe University Museum, Georgia - Philadelphia Museum of Art, PA - Princeton University Art Museum, NJ - Pushkin Museum of Fine Arts, Mosca - Ringling Museum of Art, FL - Saint Louis Art Museum, MO - San Diego Museum of Art, CA - Santa Barbara Museum of Art, CA - Spencer Museum of Art at the University of Kansas - Staatsgalerie Stuttgart, DE - Polo Museale Fiorentino, Firenze, IT - Tate Gallery, London, UK - Canaletto at the The British Museum, London, UK - The Wallace Collection, London, UK - Thyssen-Bornemisza Museum, Madrid, ES - Wichita Art Museum, KS.                        Opere del Canaletto Opere del Canaletto

Il periodo storico:
1100  1300  1400  1500  1600  1700  1800  1900