PITTart - Pitture e artisti in mostra permanente
Pitture e artisti in mostra permanente


 Home pageHome Page     Notizie d'ArteNotizie Arte     Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte    Tutte le iscrizioni a PITTart.comTutte le iscrizioni     Richiedi il tuo sito WebMio Sito Web    L'angolo del critico d'arteL'angolo del critico d'Arte    Incontri con l'arte - interviste agli artistiIncontri con l'Arte    Artisti sezione interattivaArtisti

IMPRESSIONISMO uso del colore e della luce

Impressionismo. La grande specificitÓ del linguaggio pittorico impressionista sta nell'uso del colore e della luce






Astrattismo   Barocco   Cubismo   Dadaismo   Decadentismo   Divisionismo   Espressionismo   Fauves   Futurismo   Gotico    Informale   Impressionismo   Liberty   Macchiaioli   Metafisica   Naif   Neoclassicismo   Pop Art   Realismo   Rinascimento   Rococ˛   Romanticismo   Surrealismo

Paul CŔzanne - Le grandi bagnanti L'Impressionismo Ŕ un movimento che segna una svolta decisiva nella storia della pittura, la sua nascita data intorno all'anno 1861, quando un gruppo di artisti come Bazille, Sisley, Renoir, Monet, Pissarro e Cezane iniziano a frequentarsi per porre le basi di una pittura pi¨ libera e meno accademica. Come sempre avviene, il movimento inizia a svilupparsi, ma molti di questi artisti non vengono accettati ad esporre nei luoghi “ufficiali”, tanto che nel 1863 Napoleone III istituisce il “Salon des RefusÚs” (Il salone dei Rifiutati). SarÓ proprio in questo salone che Manet esporrÓ il suo “DÚjeuner sur l'herbe (colazione sull'erba), quadro che desta grande scandalo sia per il soggetto che per la nuova tecnica di pittura. Per gli impressionisti saranno infatti il colore e la luce la base per rappresentare la realtÓ percepita attraverso l'occhio dell'artista.

La grande specificitÓ del Edgar Degas - Ballerina che fa il salto linguaggio pittorico impressionista sta dunque nell'uso del colore e della luce. Il colore e la luce sono gli elementi principali della visione: l'occhio umano percepisce inizialmente la luce e i colori, dopo di che, attraverso la sua capacitÓ di elaborazione cerebrale distingue le forme e lo spazio in cui sono collocate. La maggior parte della esperienza pittorica occidentale, tranne alcune eccezioni, si Ŕ sempre basata sulla rappresentazione delle forme e dello spazio. Distinguendosi dunque dai precedenti artisti, gli impressionisti, amano dipingere all'aria aperta (plein air) e preferibilmente vicino a specchi d'acqua, ovvero lÓ dove vi Ŕ un particolare gioco di riflessi di luce. SarÓ tuttavia solo nel 1872 che il movimento assumerÓ il nome di Impressionismo e esattamente quando il critico Louis Leory, scrive su un celebre giornale satirico un articolo nel quale definisce questo gruppo di pittori "impressionisti", prendendo la parola da un quadro esposto da Monet, che si intitolava “Impression soleil levant”.

Il 1886 Ŕ l'anno dell'ottava ed ultima mostra impressionista e da questa data Berthe Morisot - Lettura l'impressionismo pu˛ giÓ considerarsi una esperienza chiusa, tuttavia, lascia una ereditÓ con cui faranno i conti tutte le esperienze pittoriche successive. Non Ŕ dunque azzardato dire che Ŕ l'impressionismo ad aprire la storia dell'arte contemporanea. Se il pittore precursore dell'impressionismo Ŕ Edouarrd Manet, il pittore pi¨ impressionista Ŕ certamente stato Claude Monet, ma ovviamente hanno dato un notevole contributo alla corrente impressionista anche artisti come Auguste Renoir, Camille Pissaro, Edgar Degas, Berthe Morisot (unica donna) Alfred Sisley e Paul CÚzanne, la cui opera per prima supera l'impressionismo.