PITTart - Pitture e artisti in mostra permanente
Pitture e artisti in mostra permanente


 Home pageHome Page     Notizie d'ArteNotizie Arte     Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte    Tutte le iscrizioni a PITTart.comTutte le iscrizioni     Richiedi il tuo sito WebMio Sito Web    L'angolo del critico d'arteL'angolo del critico d'Arte    Incontri con l'arte - interviste agli artistiIncontri con l'Arte    Artisti sezione interattivaArtisti

NEOCLASSICISMO corrente d'arte

NEOCLASSICISMO corrente d'arte. La vicenda del neoclassicismo inizia intorno al 1750 per concludersi con la fine dell'impero napoleonico nel 1815.






Astrattismo   Barocco   Cubismo   Dadaismo   Decadentismo   Divisionismo   Espressionismo   Fauves   Futurismo   Gotico    Informale   Impressionismo   Liberty   Macchiaioli   Metafisica   Naif   Neoclassicismo   Pop Art   Realismo   Rinascimento   Rococò   Romanticismo   Surrealismo

Andrea Appiani - Napoleone I° Bonaparte.
La vicenda del neoclassicismo inizia intorno al 1750 per concludersi con la fine dell'impero napoleonico nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di questi anni é, grazie alle numerose scoperte archeologiche, l'adesione ai principi dell'arte classica.
I caratteri principali del neoclassicismo sono il rifiuto dell'arte barocca e la riscoperta della romanità, mentre tra i maggiori protagonisti troviamo il pittore Anton Raphael Mengs, lo storico dell’arte Johann Joachim Winckelmann, il pittore francese Jacques-Louis David e i pittori italiani Andrea Appiani e Vincenzo Camuccini.

Nella seconda metà del Settecento Roma diviene la capitale incontrastata del neoclassicismo, il baricentro dal quale questo nuovo gusto si irradia per tutta Europa. Tuttavia il neoclassicismo è anche lo stile della Rivoluzione Francese Antonio Canova - Maddalena penitente.ed ancor più diviene, in seguito, lo stile ufficiale dell'impero di Napoleone, tanto che alla fine del Settecento la nuova capitale del neoclassicismo non é più Roma, ma Parigi. Come abbiamo già accennato, uno dei motivi del rinato interesse per il mondo antico sono numerose scoperte archeologiche, tra le quali Ercolano, Pompei, Villa Adriana a Tivoli e i templi greci di Paestum.
Con queste scoperte del “bello classico” si fa parallelamente strada il rifiuto dell'arte Barocca, considerato che è da tutti possibile constatare che già in età classica si era ottenuta un'arte semplice ma di nobile grandiosità.
Il Barocco appare allora come il frutto malato di una degenerazione stilistica che, pur partita dai principi della classicità rinascimentale, era andata deformandosi per la ricerca dell'effetto spettacolare ed illusionistico. E’ la scultura, più di ogni altra arte, adatta a far rivivere la classicità. Le maggiori testimonianze artistiche dell'antichità sono infatti sculture. E nella scultura neoclassica di Antonio Canova si avverte il legame più diretto ed immediato Vincenzo Camuccini - Morte di Giulio Cesare.con l'idea di bellezza classica.
La pittura neoclassica si affida agli strumenti del naturalismo rinascimentale: la costruzione prospettica, il volume risaltato con il chiaroscuro, la precisione del disegno, immagini nitide senza giochi di luce ad effetto, la mancanza di tonalismi sensuali.
I soggetti delle opere d'arte neoclassiche sono pertanto personaggi e situazioni tratte dall'antichità classica e dalla mitologia e i quadri di Andrea Appiani e Vincenzo Camuccini ne sono un esempio.