PITTart - Pitture e artisti in mostra permanente
Pitture e artisti in mostra permanente


 Home pageHome Page     Notizie d'ArteNotizie Arte     Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte    Tutte le iscrizioni a PITTart.comTutte le iscrizioni     Richiedi il tuo sito WebMio Sito Web    L'angolo del critico d'arteL'angolo del critico d'Arte    Incontri con l'arte - interviste agli artistiIncontri con l'Arte    Artisti sezione interattivaArtisti

GOTICO nelle arti figurative

Gotico nelle arti fifurative. La pittura del periodo gotico (dal XIII al XV secolo ) si contraddistingue per l'interesse verso i valori umani.






Astrattismo   Barocco   Cubismo   Dadaismo   Decadentismo   Divisionismo   Espressionismo   Fauves   Futurismo   Gotico    Informale   Impressionismo   Liberty   Macchiaioli   Metafisica   Naif   Neoclassicismo   Pop Art   Realismo   Rinascimento   Rococò   Romanticismo   Surrealismo

Duccio di Buoninsegna - Maestà Il Gotico nelle arti figurative e in particolare la pittura del periodo gotico (dal XIII al XV secolo ) si contraddistingue per l'interesse verso i valori umani. Come nella pittura bizantina, affronta temi religiosi, ma non più in modo ieratico, li inserisce nel mondo contemporaneo, fra le architetture gotiche e personaggi vestiti secondo la moda del tempo. I soggetti si fanno più reali, vogliono esprimere sentimenti umani. I colori sono in genere vivaci, la composizione è caratterizzata da una stilizzazione delle forme.
Il gotico è una fase della storia dell'arte occidentale che inizia verso la seconda metà del XII secolo, per diffondersi in tutta l'Europa occidentale e terminare, anche oltre il XV secolo, quando venne soppiantato dal linguaggio di ispirazione classica.
In Italia è Giotto a delineare i dettami del nuovo stile di pittura; il centro della pittura gotica fu Siena, in particolar modo grazie all'opera di pittori come: Duccio di Buoninsegna, Simone Martini, Ambrogio e Pietro Lorenzetti (per ulteriori particolari si Gentile da Fabriano - Adorazione dei Magi invita a leggere la pagina Storia arte 1300). Dall'Italia lo stile gotico si diffonde verso la fine del XIV secolo in particolare modo in Francia, ove si distinguerà dal Gotico italiano e dalla scuola senese, per l’accentuato gusto per la descrizione minuziosa dei particolari, con colori molto più vivaci e trattati con tecnica simile allo smalto. Tuttavia, la pittura gotica in Francia, ha uno sviluppo molto limitato. Tutta l'attenzione è infatti riversata sulle vetrate, che sono invece un elemento fondamentale dell'estetica gotica francese. Fra gli esponenti più importanti troviamo gli artisti Gentile da Fabriano, Francke e i fratelli Vergos.

Il termine Gotico oggi si riferisce alla corrente d'arte sopra descritta, ma non è sempre stato così. Il termine Gotico veniva usato da  Giorgio Vasari in senso dispregiativo, per indicare un modo barbaro e nordico o comunque lontano dall'arte greco-romana.